mercoledì 12 marzo 2014

il grande poeta Gioacchino Belli

il grande Gioacchino Belli (1791-1863), noto poeta in dialetto romanesco , scrisse questo sonetto:

C'era 'na vorta un Re, che dar palazzo
mannò fora a li popoli st'editto:
io so' io, e vvoi nun zete un cazzo,
Sori Vassalli bbugiaroni, e zzitto!
io fo dritto lo storto, e storto er dritto;
pozzo vendeve a tutti a un tanto er mazzo;
io si vv'impicco nun ve fo strapazzo
ché la vita e la roba io ve l'affitto.
Chi abbita a 'sto monno senza er titolo
o dde Papa o dde Re o dd'Imperatore,
cuello nun pô avé mmai voce 'n capitolo.
Co st'editto annò er boja pe' curiero
a interrogà la ggente in zur tenore
e arrisposero tutti: è vero! è vero!



(da giovedì mattina a lunedì sera io annalisa e ghila saremo a Roma)

Nessun commento:

Posta un commento