venerdì 4 novembre 2011

INDIA nord-ovest (2004), - 16: Jaipur 3

ecco il simbolo artitettonico della città, Hawa Mahal, il palazzo dei venti, dai palchi delle bow-windows le donne di palazzo potevano, non viste, vedere quel che passava in strada

mentre questa è la M first Road, l'arteria principale del centro storico, con una fitta sequenza di negozi










 taglio, levigatura e vendita di pietre preziose:




4 commenti:

  1. Bellissima l'India.
    Il palazzo dei venti, non sembra l'antenato del grande fratello??

    RispondiElimina
  2. già, già...! per certi versi sì. è proprio così come dici.
    Ma per altri versi è anche stato un modo (alla fine del Settecento), per consentire alle donne, nel contesto di quella mentalità (era disdicevole per una donna farsi vedere alla finestra), di poter osservare il mondo reale ed essere al corrente di quel che vi succedeva, non ti pare?
    e poi con la bow window sporgente (una specie di piccolo palco tipo quelli del teatro), così entrava dalle finestrelle anche un po' di arietta!, da qualsiasi provenienza venisse (scirocco, tramontana, o libeccio, ...) perché là dentro faceva un caldo soffocante.

    RispondiElimina
  3. La sua spiegazione mi ha chiarito da cosa deriva il nome di questo palazzo. Molto interessante. Conosco poco dell'India.
    Mi sembra fosse anche un osservatorio astronomico (ma non ne sono sicura), l'idea del "guardare" mi era derivata anche da questo elemento. Siamo sempre tanto curiosi!

    RispondiElimina
  4. in effetti a Jaipur c'è anche uno straordinario osservatorio astronomico dell'epoca, con strumenti grandissimi in muratura, è molto bello. simile a quello di Old Delhi di cui ho riportato una foto nella puntata n. 10 di mercoledì 2 nov. Mi fa piacere che l'India ti abbia affascinato, guarda allora anche le altre puntate (ma non ho ancora finito).
    Devi assolutamente andare a fare un bel viaggione per conto tuo.
    hai visto il mio diario dell'India del Sud (l'ho messo su in luglio)?

    RispondiElimina